Изабел де Паоли

Изабел де Паоли
  • Предстоящи представления

Биография

Uno dei mezzosoprani più talentuosi della scena operistica odierna, Isabel De Paoli ha iniziato giovanissima a studiare canto lirico con Gabriella Rossi. Ha conseguito il diploma in canto lirico e la laurea di II livello presso il Conservatorio F. Vittadini di Pavia. Hai frequentato masterclass di tecnica vocale con Claudio Desderi, Bernadette Manca di Nissa, Rockwell Blake e Luciana Serra.

Ha cantato in alcuni dei più importanti teatri italiani tra cui il Ravenna Festival, l'Opera di Roma, il Teatro Verdi di Trieste, il Teatro Bellini di Catania, il Teatro Massimo di Palermo, il Teatro Valli di Reggio Emilia, il Teatro delle Muse di Ancona , Teatro del Giglio di Lucca, Festival dei Due Mondi di Spoleto, Teatro Municipale di Piacenza, oltre che all'estero al Teatro Campoamor di Oviedo e al Savonlinna Opera Festival.

Debutta in “Cavalleria Rusticana”,” e Badessa e Zia Principessa in “Suor Angelica” Preziosilla in “La Forza del Destino”. Nel 2015 nella "Cavalleria Rusticana" al Siri Fort di New Delhi, India, oltre al debutto nella "Petite Messe Solennelle" di Rossini a Brescia, è Maddalena nel "Rigoletto", Azucena ne "Il Trovatore", con Ravenna Festival in direzione di Cristina Mazzavillani Muti. Nel luglio 2016 ha preso parte al concerto “Echi notti degli incantesimi verdiani” da casa Roncole di Verdi, prodotto da Ravenna Festival e trasmesso su RAI 1 e, successivamente, in autunno ha debuttato nel ruolo della signora Quickly in “ Falstaff" con Ravenna Festival con il Maestro Muti.

 

 

Nel 2018 a Palermo si è esibita nella “Nona Sinfonia” di Beethoven, nella “Messa dell'Incoronazione” e nel “Requiem” di Mozart al Teatro Politeama e al Duomo di Monreale, inaugurando la 55° edizione della Settimana Internazionale di Musica Sacra. Nel 2015 Marcellina ne "Le nozze di Figaro" al Teatro dell'Opera di Roma regia di Giorgio Strehler ripresa da Marina Bianchi, Mrs. Quickly in "Falstaff" direttore M.°Riccardo Muti in Ravenna e al Teatro Campoamor di Oviedo, regia di Cristina Mazzavillani Muti; ruolo interpretato con successo anche a Lucca, Piacenza, Savona, e nei teatri di Reggio Emilia, Ferrara e Ancona. Nel 2019 Azucena ha debuttato ne "Il Trovatore" al Teatro Massimo Bellini di Catania, "Trittico" di Puccini al Teatro dell'Opera di Roma diretto da Damiano Michieletto e diretto da Daniele Rustioni. A giugno "Le Nozze di Figaro" per il Festival dei Due Mondi di Spoleto in diretta su RAI 5 diretta da Giorgio Ferrara e diretta da James Conlon mentre a luglio è Mrs. Quickly nelle repliche di "Falstaff" al Savonlinna Opera Festival in Finlandia. In dicembre è mezzosoprano solista nelle "Siete Canciones Populares Españolas" di M. De Falla. A marzo sei contralto solista nel “Requiem” di Mozart a Sondrio. A luglio 2018 è contralto solista nella "Petite Messe Solennelle" di Rossini a Trapani e, successivamente ad agosto, debutta nella "Messa da Requiem" di Verdi al Teatro Antico di Segesta. Ad ottobre 2018 debutta nei ruoli di Zita e Zia Principessa nel Dittico di Puccini al Teatro del Giglio di Lucca per la regia di Denis Krief. a maggio 2019 debutta nel ruolo di Madelon di Andrea Chénier al Teatro Verdi di Trieste, mentre a luglio torna ad essere Marcellina, in forma di concerto, diretta da Riccardo Muti al Teatro Alighieri di Ravenna e all'Amintore Galli Teatro di Rimini per partecipare ad agosto al concerto di Galà al Festival di Kherson e ancora Zita e Zia Principessa alle riprese del Dittico di Puccini al Teatro Alighieri di Ravenna. Recentemente ha preso parte ad un concerto di arie da camera inedite di P. Mascagni in collaborazione con il “Festival Mascagni” di Livorno e nel dicembre 2021 nel ruolo di Zia Principessa nel dittico messo in scena a Taranto produzione del TOF (Taranto Opera Festival) . Ha cantato la “Messa da Requiem” di Verdi con il M° Muti al Festival di Ravenna, Milano, Bologna e al Teatro Galli di Rimini con grande successo. Prossimamente canterà, sempre con il M.°Riccardo Muti , Ulrica”in “Ballo in Maschera” a Tokyo, “Verdi Requiem” a Sofia e San Paolo del Brasile ed altri ancora.

Виж всичко